Viaggiare in pullman per chi abitualmente soffre di chinetosi, o più comunemente mal d’auto, di nave o aereo, può destare preoccupazione: il senso di nausea e gli attacchi di vomito improvvisi quando si è su un mezzo di trasporto collettivo possono infatti mettere a disagio, e il mal di viaggio è una condizione che riguarda il 40% della popolazione mondiale, secondo alcuni recenti studi e ricerche. Ma la buona notizia è che ci sono alcuni semplici consigli per non soffrire del mal di viaggio in autobus, anche senza ricorrere a medicinali o prodotti omeopatici.

Mal di viaggio in autobus cos’è la chinetosi

La chinetosi, o mal d’auto, è un disturbo nella comunicazione tra ciò che percepiscono le orecchie e ciò che vedono gli occhi, in pratica un disallineamento tra due sensi che mandano al cervello un messaggio contrastante, confuso e fuorviante da cui nasce il malessere. Per evitare di provare nausea o avere vomito è quindi necessario mettere ordine tra questi due segnali, una cosa facilmente fattibile con alcuni semplici trucchi.

Guardare avanti e lontano

Fissare l’orizzonte, e comunque avere un campo visivo ampio e aperto davanti a sé, quindi sedendosi nei posti avanti in autobus, permette di ridurre la percezione di movimento data dallo sguardo e ridurre il conflitto tra gli stimoli vestibolari, colti dall’orecchio, e quelli visivi e propriocettivi.

Evitare di leggere, sì ad ascoltare la musica

Per lo stesso motivo è sconsigliato leggere o fissare uno schermo, come quello del tablet o del computer. Meglio isolarsi, per esempio ascoltando della musica con cuffie o auricolari, magari anche chiudendo gli occhi.

Chiudere gli occhi

poiché il mismatch tra i segnali riguarda anche quelli visivi, chiudere gli occhi, benché controintuitivo, può ridurre il senso di nausea e malessere. Anche sdraiarsi è un buon rimedio: in nave per esempio è fattibile, in auto molto meno, in aereo e autobus si può provare ad abbassare lo schienale e provare ad appisolarsi.

Cercare di dormire

Appisolarsi o cercare proprio di dormire crea una pace dei sensi che fa dimenticare nausea e malessere. Certo su un mezzo di trasporto collettivo è difficile avere le condizioni di silenzio che conciliano il sonno, ma se si è di quelli che dormirebbero ovunque, è senza dubbio un buon trucco per viaggiare dimenticando il mal di viaggio.

Non mangiare. O stare leggeri a tavola

Nausea e malessere portano spesso, inevitabilmente al vomito. Mangiare poco, stare digiuni, o comunque mangiare leggeri prima del viaggio a seconda delle abitudini possono aiutare a evitare il peggio. Parimenti una digestione faticosa potrebbe aggravare il fastidio del viaggio.

Mangiare zenzero

Il sapore pungente può non piacere a tutti ma è indubbio che lo zenzero abbia un invidiabile potere anti-nausea e anti-vomito: nel caso qualche pezzettino di zenzero a portata di mano può lenire il fastidio.