Viaggiare con i più piccoli richiede sempre qualche impegno per distrarli: i minori infatti faticano a rimanere seduti per molte ore se non hanno qualche attività da fare, a maggior ragione quando si tratta di affrontare un viaggio in autobus con i bambini è importante prepararsi per tempo per fare in modo che abbiamo qualcosa da fare che li intrattenga, permettendo agli adulti di rilassarsi ed evitando che disturbino gli altri viaggiatori. Vediamo allora alcuni consigli per programmare un viaggio in autobus con i figli.

Consigli per intrattenere i bambini durante un viaggio in autobus

Se si tratta di neonati, o comunque di bambini che ancora fanno il riposino durante il giorno, può essere vantaggioso prenotare in un orario, come quello subito dopo il pranzo, in cui normalmente i piccoli si addormentano. Sarà necessario tenerli in braccio o portare con sé l’ovetto, se l’autobus dispone dei dispositivi di sicurezza per assicurarlo, ma in questo modo il piccolo dormirà per buona parte del tragitto non accorgendosi praticamente delle ore di viaggio.

Se si tratta di bambini e bambine più grandi, in età da scuola materna o nei primi anni della scuola elementare, è utile portare a bordo i loro giochi e passatempi preferiti: per chi ama disegnare un album da disegno e delle matite o pennarelli colorati, sicuramente qualche bambola o peluche che tengano compagnia, magari qualche libro-gioco o racconti di storie da leggere e, se non si è contrari, può funzionare anche il tablet con installata qualche App specifica per l’infanzia. Tablet, è bene ricordarlo, da tenere sempre con un volume tale da non disturbare gli altri viaggiatori.

I bambini più grandi, delle ultime annate delle elementari o già ragazzi e ragazze delle medie, sono paradossalmente più facili da intrattenere: possono leggere, se non soffrono di mal di viaggio (altrimenti qui ci sono alcuni utili consigli per evitare il mal di viaggio senza prendere medicine), ascoltare musica dal tablet o cellulare, oppure ci si può sedere al loro fianco – magari nei posti migliori per viaggiare in autobus – illustrando loro il paesaggio, raccontando informazioni sulle città che si attraversano o si incontrano lungo la strada, o facendo giochi come battaglia navale, il gioco dei nomi o delle parole, e altri adatti alla loro età.

Consigli per organizzare il viaggio in autobus con i bambini

Prima di salire a bordo è bene prevedere alcune delle necessità che hanno i bambini in viaggio. Per esempio portare una bottiglietta d’acqua a bordo, per dissetarli, avere sempre a portata di mano delle salviettine umide per rinfrescarli o pulirli.

I bambini in autobus devono anche allacciare le cinture di sicurezza, sempre qualora il mezzo ne sia provvisto, e se avete qualche dubbio potete leggere il nostro approfondimento qui. Potrebbe anche essere utile o necessario portare con sé il seggiolino, motivo per cui è sempre consigliato prendere contatto con la compagnia di trasporti e chiedere se è richiesto, se è messo a disposizione o se è necessario portare il proprio.

Infine, benché il vantaggio degli autobus preveda anche ampio spazio per il trasporto bagagli, nel caso di esigenze particolari legate ai più piccoli è sempre meglio chiedere in anticipo: se per esempio bisogna trasportare il lettino montabile con le sponde rialzate, avvisare in anticipo permetterà all’autista di organizzare il carico dei bagagli nel gavone in modo tale da agevolarne il trasporto.