Genova la Superba è paradossalmente una meta fin troppo snobbata da chi interpreta la Liguria solo per il turismo balneare. E anzi, se il discorso vale in ogni mese dell’anno, ancor più in estate può essere una buona idea abbandonare le spiagge, almeno nei fine settimana più affollati, e dedicarsi alla scoperta del capoluogo ligure. Ma cosa fare e vedere in un weekend a Genova? Un sacco di cose, tanto che probabilmente mancherà il tempo di farle tutte.

Passeggiare nei carruggi

I carruggi sono le tipiche vie strette del centro storico di Genova, uno dei pochi e meglio conservati centri cittadini di impianto medievale d’Europa. Sostanzialmente nulla è cambiato nei secoli, almeno nell’impianto labirintico del quartiere che domina il porto, e anche solo passeggiare è un’esperienza piena di fascino.

La Via Aurea

C’è anche un’altra Genova oltre a quella popolare dei carrugi, ed è quella della Via Aurea, oggi Via Garibaldi, con i suoi palazzi rinascimentali che raccontano a cielo aperto di quando Genova era il più importante porto al mondo. Oggi i cosiddetti Rolli di Genova ospitano le più importanti istituzioni pubbliche e private della città e l’area che li comprende è stata definita come Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Il Porto Antico

È da sempre il cuore della città e, nonostante siamo nel XXI secolo, con un po’ di immaginazione non è difficile arrivare a capire il brulicare di vita, attività e commerci che l’ha animato per secoli, magari anche facendo un giro sull’ascensore panoramico Bigo che regala un’insolita prospettiva del Porto.

L’Acquario di Genova

Lascito delle Colombiadi del 1992, quando Renzo Piano ridisegnò l’intera area del porto, l’Acquario è la più grande esposizione di biodiversità acquatica in Europa con 71 vasche e oltre 15.000 animali di 400 specie diverse. Una visita è immancabile e impareggiabile.

La Lanterna

È il simbolo di Genova, ed è possibile salirne i 172 scalini che portano alla prima terrazza per godere della vista del porto e della città vecchia. Alla base c’è un museo multimediale che racconta la storia, l’arte, la cultura materiale e le tradizioni della vita genovese.