Tra le cose da fare in Val di Fassa questo inverno è fin troppo facile dire lo sci: sci alpino, ma anche fuoripista come freeride e scialpinismo, e ancora freestyle e snowboard negli snow park del comprensorio, sono tra le attività più gettonate dell’inverno a Canazei a dintorni. Ma c’è molto altro, e di molto speciale, che si può fare durante una vacanza sulla neve o una settimana bianca in Val di Fassa.

Lo ski tour del Sella Ronda

Lo ski tour del Sella Ronda è senza dubbio il più bello e il più conosciuto ski tour di tutte le Alpi, e non può mancare tra le esperienze di un vero sciatore. Lo ski tour è un percorso panoramico da affrontare sci ai piedi, in questo caso di ben 40km di cui 26 sciabili, facendo il giro di 4 passi, Pordoi, Sella, Gardena e Campolongo, attorno al massiccio del Sella, attraversando le valli ladine di Fassa, Gardena, Badia e Arabba. Lo ski tour del Sella Ronda è un carosello di piste intermedie o, a scelta, di livello avanzato, quindi affrontabili da qualunque sciatore di medie capacità in circa 5 o 6 ore, per il quale lo skipass valido è il Dolomiti Superski e che si può affrontare sia in senso orario (segnaletica arancione) che antiorario (segnaletica verde), ovviamente senza mai ripetere la stessa pista.

Relax alle Terme Dolomia

Le Terme Dolomia sono state costruite nel 2003 dove da secoli sgorgavano acque termali terapeutiche, il “bagn da tof” di Alloch, a Pozza di Fassa, l’unica fonte solforosa del Trentino. Terme Dolomia è convenzionata con il servizio sanitario nazionale per i trattamenti terapeutici, ma è anche se non soprattutto una bella occasione per una giornata di relax, trattamenti estetici come il bagno rasul alle argille, e la day Spa con i suoi percorsi benessere. In alternativa, soprattutto in presenza di figli minori, c’è il Centro Acquatico Dòlaondes con scivoli, piscine fun e un’area benessere e relax, oppure le nuovissime QC Terme Dolomiti a Pozza di Fassa, 4.300 metri quadri dedicati al benessere in acqua. Perfetto dopo una giornata sugli sci o nella neve, come in ogni Spa di montagna che si rispetti.

Après-ski in Val di Fassa

Ormai le località sciistiche più cool non si decidono solo in base alle piste e agli impianti di risalita, ma anche da ciò che puoi fare dopo aver tolto gli sci dai piedi. E l’après-ski di Canazei è di quelli al top, una vera e propria movida che dalle baite poi scende nei wine bar e nei pub del fondovalle, per riscaldarsi a ritmo di musica sorseggiando un cocktail, un bicchiere di vino o della birra.

Baite gourmet

Ormai la vacanza bianca non è più solo sci, panino e salamella ma è una tappa della tendenza food tour alla ricerca di piatti gourmet: baite, rifugi e ristoranti a fondo valle delle migliori località di montagna sempre più offrono ristorazione di livello, sia quella tradizionale, che in Val di Fassa è composta da canederli, ravioli cajoncie, strudel e fortaes, dolci fritti dalla caratterstica forma di chiocciola, che quella internazionale: a pranzo con gli sci ai piedi, o la sera, per chiudere la giornata nel modo migliore, l’esperienza gourmet è una di quelle da non perdere nemmeno in Val di Fassa.

Sci in notturna

Sempre più località sciistiche, e sicuramente le migliori, offrono la possibilità di sciare anche dopo il calar del sole: se la voglia non è passata nemmeno dopo una intera giornata sulle piste, se durante il giorno ci si è dedicati ad altro e rimane il desiderio di qualche curva sulla neve, lo Ski Stadium Aloch, nel centro di Pozza di Fassa, ha una pista lunga 1,6 km su cui si tengono gare internazionali e gli allenamento delle squadre nazionali di sci che la sera è aperta e illuminata, ogni mercoledì e venerdì fino alle 22:00, dal 20 dicembre 2018 al 25 marzo 2019.