Le Dolomiti di Brenta a est, l’Adamello e la Presanella a ovest: senza dubbio Madonna di Campiglio è tra le più belle località sciistiche delle Alpi, per il paesaggio eccezionale che regala, per quel suo essere chic senza più essere yuppie, e poi perché nella ski area che comprende anche Folgarida-Marilleva e Pinzolo ci sono ben 150 km di piste che arrivano fino ai 2600 metri di quota. Ma quali sono le più belle piste di Madonna di Campiglio, da fare assolutamente almeno una volta nella vita?

Le piste più belle di Madonna di Campiglio

Sono almeno 5 le piste più belle di Madonna di Campiglio, imperdibili per chiunque ami davvero lo sci alpino.

Prima fra tutte la storica 3-Tre: qui i più grandi atleti del circo bianco hanno vissuto gioie e delusioni in egual misura, e affrontarla anche solo per una volta significa ricalcare le linee dei più grandi sciatori di ogni tempo. Peraltro l’altrettanto mitico Canalone Ripamonti è disponibile anche per lo sci in notturna. In una parola: imperdibile.

Altrettanto imperdibile è la Spinale Direttissima, proprio davanti al Canalone Miramonti, che parte dalla cima dell’omonimo Monte e scende letteralmente verso il centro cittadino. L’ultimo muro ha il nome eloquente di Schumacher Streif, cioè velocità pura.

La Pancugolo è tra le più recenti delle piste della Skiarea Campiglio: dalla partenza di gode di un panorama di tutta la conca di Madonna di Campiglio, ma poi è un unico muro verticale che mette a dura prova anche gli sciatori più esperti.

La Tulot, la più bella dell’area sciabile del Doss del Sabion, oggi si chiama Tulot Audi Quattro, e il motivo della sponsorizzazione da parte della casa automobilistica sta nel senso di avventura, adrenalina, ebrezza e sfida che questa pista sa regalare, soprattutto a chi l’affronta senza mai tirare il fiato.

Se in questo tripudio di pendenze e muri cercate una pista più morbida, lenta e panoramica, c’è la Graffer ad aspettarvi, con lo sguardo che spazia sull’incantevole scenario delle Dolomiti di Brenta: per questo oltre ai principianti, per cui è adatta dal punto di vista tecnico, è una pista molto frequentata anche dagli esperti, che si divertono in totale relax sui suoi curvoni ampi dilettandosi ad ammirare il panorama.

E infine per chi cerca il sole fin dal primo mattino c’è una pista imperdibile, l’Amazzonia, che parte dalla stazione di Pradalago e scende tra boschi di abeti fino alla piana di Nambino.

Se vi è venuta voglia di andare a sciare a Madonna di Campiglio, può essere utile che si può andare anche in autobus, con un collegamento operato da Autostradale che abbiamo spiegato qui, e che per il weekend dell’Immacolata ci sono fortissimi sconti sulla tratta Milano – Madonna di Campiglio.