Torino è una città sorprendente. Sconta forse ancora un po’ l’idea comune di città industriale, un po’ grigia, noiosa e anche un po’ refrattaria al turismo, e invece basta un weekend per scoprire una città ricca di vita, di una bellezza che si gusta un poco alla volta ma ti entra sottopelle per sempre, e con tante cose interessanti da vedere. Certo, l’imperativo sabaudo di “non farsi notare” vale sempre, anche per i suoi monumenti e i suoi angoli di maggior fascino, ma con un po’ di pazienza si possono scoprire almeno 7 cose da vedere a Torino per sentirsi un vero sabaudo.

I caffè storici

I caffè storici sono una istituzione di Torino, e anzi ne incarnano l’anima e lo stile di vita: il loro fascino senza tempo conquista continuamente una generazione dopo l’altra, e non c’è gita a Torino che non preveda una sosta in indirizzi come Al Bicerin, Fiorio o San Carlo, per citare i 3 forse più noti. I viaggio nel tempo e nella personalità della città comincia dalle architetture e dagli arredi e continua per forza di cose dalle specialità cittadine come la tipica bevanda calda torinese a base di caffè, cioccolata e crema di latte.

La Basilica di Superga

Molto più di un monumento simbolo del barocco. Certo c’è da ammirare la cupola di Filippo Juvarra, ma la Basilica di Superga incarna il mito di (almeno una parte) di Torino: qui il 4 maggio si schiantò l’aereo con a bordo la squadra di calcio del Grande Torino, qui ogni anno nella stessa data si torna a ricucire il legame con quel mito, in ricordo di quella giornata il 4 maggio è stata proclamata Giornata mondiale del gioco del calcio.

Il Museo delle Antichità Egizie

La tipica gita scolastica, della quale normalmente ricordi molto poco. Poi però realizzi che è il più importante museo egizio dopo quello del Cairo, e che quindi non c’è bisogno di andare fino in Egitto (che comunque è sempre una bella idea) per ammirare qualcosa come 6500 tra statue, reperti, sarcofaghi, mummie, papiri e molto altro tra ciò che ci ha lasciato questa straordinaria civiltà.

Le piazze di Torino

Le piazze rappresentano il carattere di una città, e Torino ne ha moltissime, tutte belle, circondate da monumenti e palazzi d’Epoca. Ma la quintessenza di questa città si trova probabilmente in due di queste, più che altrove: Piazza Castello, circondata su tre lati dai tipici portici torinesi e da alcuni edifici simbolo della città come il Palazzo Reale, il Teatro Regio, Palazzo Madama e la Real Chiesa di San Lorenzo; l’altra è Piazza San Carlo, soprannominata “il salotto di Torino” per quella sua atmosfera così secentesca e così reale.

Le Gallerie Coperte di Torino

Sono il tocco parigino della città, un po’ come i passages della capitale francese: la Galleria Subalpina, la Galleria Umberto I e la Galleria San Federico sono gallerie vetrate, dai bellissimi interni che riportano alla storia borghese della città, e rappresentano un luogo di sicuro fascino dove cogliere la personalità di Torino.

Il Parco del Valentino

Ogni bella città ha il suo parco, e Torino non sfugge a questa regola; ci sono poco cose più torinesi del fare una passeggiata nel Parco del Valentino, con le sue statue, fontane e giardini e la curiosità del Borgo Medievale, riproduzione ottocentesca di un piccolo villaggio del XV secolo.

Il museo dell’automobile di Torino

La storia, e l’orgoglio della città: Torino è tra le capitali mondiali dell’industria automobilistica, e non manca un museo che ne celebra l’epopea. L’idea del Mauto risale addirittura agli anni Trenta del secolo scorso, venne ufficialmente inaugurato nel 1960, è stato recentemente ristrutturato e oggi vanta una delle collezioni automobilistiche più rare ed interessanti al mondo, con oltre 200 pezzi rari e originali dalla metà dell’Ottocento ai giorni nostri, provenienti da tutto il mondo.