Isole segrete dove fuggire dal caos? Non serve affrontare lunghi viaggi transoceanici per trovare piccoli lembi di terra poco frequentati dove passare una vacanza via dalla pazza folla, a contatto con la natura e lontani dal mondo. Anche in Europa, tanto nel Mediterraneo quanto nell’Atlantico o nel Mare del Nord, ci sono numerose isolette semisconosciute ai più, magari non semplicissime da raggiungere (servono almeno un paio di voli, o magari un volo e un traghetto) ma sicuramente piene di sorprese.

6 isole segrete dove fuggire a giugno

Vediamo allora, dalla più meridionale – Filicudi, in Italia – alla più settentrionale – Vrango, in Svezia – le 6 isole segrete dove fuggire dal caos.

Filicudi, Eolie, Italia

Clima torrido, costa rocciosa, terreni vulcanici: Filicudi è la meno frequentata delle glamour Eolie, e non per nulla fino agli anni Settanta era terra di confino per criminali e mafiosi. Oggi le cose sono (per fortuna) molto cambiate: Filicudi è un paradiso selvaggio di acque cristalline, colori da togliere il fiato, natura rigogliosa e ospitalità sincera. E a giugno è già possibile fare il bagno e abbronzarsi in spiaggia

Port Cros, Iles D’Or, Francia

Tutti vanno nell’affascinante Porquerolles e pochi conoscono l’esistenza della vicina, e bellissima, Port Cros. La quintessenza della Costa Azzurra ma in piccolo e sicuramente con meno folla: l’isola è nella sua interezza una riserva naturale di pini marittimi, mirto e vita marina, auto (e bici!) sono off limits e le spiagge sono perfette per abbronzarsi e fare snorkeling (in particolare la Plage La Palud).

Gugh, Scilly Isles, Cornovaglia

Quando pensi a un’isola tropicale l’ultima cosa che ti può venire in mente è un isolotto inglese, e però Gugh, il lembo più lontano delle Scilly Isles, è quanto di più vicino all’idea di natura lussureggiante puoi trovare in Europa. Ranuncoli e ginestre gialle, pietre ricoperte di licheni e spiagge bianchissime sferzate dal vento, ritrovamenti dell’età del bronzo e vecchia Inghilterra – a cominciare dall’unico pub dell’isola, a St Agnes – sono quanto ti aspetta in questa piccola isola segreta del Mare Celtico.

Terschelling, Isole Frisone Occidentali, Paesi Bassi

Il fascino del Mare del Nord, con le vaste spiagge sabbiose sostenute da dune erbose, a breve distanza da Amsterdam: le Frisone Occidentali sono perfette per una puntata e fuga durante una vacanza in Olanda o nel nord della Germania, sono amatissime dai ciclisti (anche se il vento può rendere faticoso pedalare sulle loro strade) e la più accessibile, benché non affollata, è sicuramente Terschelling, dove si arriva in traghetto e i posti per pernottare sono davvero pochi.

Cape Clear, Irlanda

Il tramonto sull’Atlantico mentre delfini e balene giocano tra le onde: se riesci a immaginarlo hai già deciso di partire per Cape Clear, una minuscola isola di 3 miglia per 1, che si gira a piedi e che, ai tempi dell’emigrazione irlandese verso gli Stati Uniti era l’ultimo lembo di terra natia che rimaneva negli occhi. Anche qui vento, natura rigogliosa e selvaggia, 3 pub dove ascoltare storie sorseggiando Guinness sono tutto ciò che puoi trovare per fuggire dalla quotidianità.

Vrango, Svezia

Acque gelide, spiagge sabbiose, insenature rocciose e saune dove rilassarsi e rallentare: Vrango è la più meridionale delle isole che fronteggiano Goteborg, è amatissima dagli appassionati di wild swimming ma è perfetta anche per qualche giorno tra barche di pescatori, ristoranti di pesce e camminate nella natura spontanea.