L’estate è la stagione della libertà e della scoperta, anche di angoli meno noti del proprio Paese. Tra i tanti modi di passare le vacanze e viaggiare in Italia allora perché non provare a fare il tour delle location che hanno ispirato i registi di film e serie TV e sentirsi un po’ come su un set, protagonisti della vita, della storia e della cultura del nostro Belpaese. A stilare la classifica delle città italiane più amate dai registi ci ha pensato Holidu, il motore di ricerca per case vacanza, che è andato così alla ricerca dei luoghi più celebri delle nostre città ripresi nelle scene dei film grazie al motore di ricerca specializzato in cinema Internet Movie Database.

Come in un set: nelle location cinematografiche di Roma

Roma, la città eterna, è da sempre la maggior fonte di ispirazione per i registi sia italiani che internazionali. Da Vacanze Romane con la bellissima Audrey Hepburn a La Dolce Vita di Fellini fino al recente La Grande Bellezza di Sorrentino sono oltre 1500 i film ambientati a Roma e per i quali si può dire che la Città Eterna sia quasi, se non proprio, la vera protagonista. E senza dimenticare le serie Tv (I Cesaroni per esempio hanno dato vita a veri e propri tour guidati, all’epoca del loro successo) e le più moderne fiction, come Suburra di Netflix. E allora, nel corso di una vacanza a Roma, non potrà mancare una puntata, magari di notte, alla Fontana di Trevi per rivivere la scena del bagno di Anita Ekberg e Marcello Mastroianni (ma perché no anche la mitica scena di Totòtruffa) o una ascesa al colle del Gianicolo con il cannone che si vede nella scena iniziale de La Grande Bellezza.

Milano nei film

Dopo Roma, ma ben distanziata, è Milano la seconda capitale del cinema italiano, con 352 titoli girati nel capoluogo lombardo. Titoli cult come​ Totò, Peppino e…la Malafemmina o pellicole drammatiche come Miracolo a Milano di Vittorio De Sica sono lontanissimi dagli stereotipi del milanese operoso e un po’ bauscia come si vede in tantissime pellicole che giocano con il tema del trasferimento al nord per lavoro, come il divertente Benvenuti al Nord con Claudio Bisio e Alessandro Siani o anche Cado dalle Nubi di Checco Zalone. Certo il Duomo è fin troppo riconoscibile, ma per sentirsi come su un set durante una vacanza a Milano si può andare nella vicina Piazza Mercanti dove Aldo Giovanni e Giacomo hanno messo in scena la mitica partitella a basket in Chiedimi Se Sono Felice.

Venezia come in un film

Al terzo posto tra le città italiane preferite dai registi c’è nientemeno che Venezia, e non solo perché ogni anno vi si tiene la Mostra Internazionale del Cinema, che attira star, vip, registi e jet-set. A Venezia sono stati ambientati 287 film, da Morte a Venezia di Luchino Visconti al James Bond Casino Royale con Daniel Craig (è nel chiostro del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello che si svolge la sparatoria tra Bond e gli uomini per cui Vesper a sua insaputa lavorava). Ma anche Indiana Jones di Spielberg, con una scena girata davanti alla Chiesa San Barnaba.

I film ambientati a Napoli

Appena giù dal podio c’è Napoli, con 227 film ambientati alle pendici del Vesuvio. Tutti i grandi classici di Totò sono ambientati a Napoli, ma anche un capolavoro del realismo come Paisà di Rossellini o, più recentemente, il celebre Gomorra diretto da Matteo Garrone. E se state pensando a Matrimonio all’Italiana con Sofia Loren e Marcello Mastroianni, sì, è la Chiesa del Gesù Nuovo quella che si vede verso la fine del film. Così come nel recente Reality sempre di Matteo Garrone si vede Villa Pignatelli di Montecalvo, a San Giorgio a Cremano, un palazzo storico in stile liberty in rovina metafora dello stato di paranoia del protagonista.

Torino come scenografia cinematografica

Infine, a chiudere la Top 5, c’è Torino, con 137 film girati all’interno del capoluogo piemontese. Non per nulla qui c’è il Museo del Cinema, tra i migliori del mondo, e non per nulla qui sono stati girati film molto diversi tra loro, da Profondo Rosso di Dario Argento (la scena iniziale è all’interno del teatro Carignano) a Stanno Tutti Bene di Giuseppe Tornatore (alcune delle scene cult sono ambientate in Piazza della Repubblica).