Firenze città d’arte è quasi una ridondanza che non sarebbe nemmeno il caso di dirlo. Ma oltre agli Uffizi, che hanno appena aperto una nuova ala con 14 nuove sale che permettono di mettere in mostra altri 105 capolavori del Cinquecento veneto e toscano, la culla del Rinascimento è sempre animata da moltissime mostre temporanee che ne arricchiscono l’offerta culturale. Anzi, ci sono esposizioni che per la loro eccezionalità e per il fatto di riunire opere altrimenti disperse per i musei di tutto il mondo rappresentano una perfetta scusa per andare (o tornare) a Firenze, anche solo per un weekend. Come queste 7 imperdibili e ancora visitabili questo autunno, dall’inizio di settembre fino a Natale e Capodanno.

Caravaggio e il Seicento agli Uffizi

Gli Uffizi, appunto, ospitano una mostra che è un evento, con 8 sale che rimarranno allestite fino al 2025 e che vedranno esposti numerosi capolavori del Seicento firmati da Rembrandt, Van Dick, Artemisia, Rubens, Gherardo Delle Notti, Guido Reni e ovviamente, e finalmente, Caravaggio, il vero cuore di tutta l’esposizione.

Mostre di arte moderna a Firenze nel 2019

Ci sono anche alcune interessanti mostre di arte moderna a Firenze in questo 2019, con vista anche oltre Capodanno. In particolare quella dedicata a “Natalia Goncharova. Tra Gauguin, Matisse e Picasso” che si tiene a Palazzo Strozzi, Piazza degli Strozzi dal 28 settembre 2019 al 12 gennaio 2020, è dedicata alla pittrice russa incline allo stile fauvista e artefice dei costumi e delle scenografie della mitica compagnia di danza Balletti Russi.

Sempre parlando di arte moderna e contemporanea al Museo del Novecento (Piazza Santa Maria Novella, 10) c’è la mostra “Da Modigliani a Schiele. Da De Chirico a Licini Morandi” con 42 disegni di artisti italiani e stranieri provenienti dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma. La mostra è già in corso e termina il 17 ottobre 2019.

I capolavori dell’arte in mostra a Firenze nell’autunno 2019

Due mostre sono dedicate ad autentici capolavori dell’arte italiana. La prima è “Costruire un capolavoro: la Colonna Traiana” e si tiene a Palazzo Pitti fino al 6 ottobre, con una esposizione che ripercorre le tappe della costruzione della Colonna Traiana, dal trasporto dei colossali blocchi marmorei dalle cave di Luni fino a Roma fino alle tecniche di costruzione e alla realizzazione dell’opera scultorea. L’altra riguarda il nostro grande genio e si intitola “Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale” e fino al 22 settembre, al Museo Galileo, prosegue le celebrazioni del cinquecentenario di Leonardo da Vinci indagando uno degli aspetti meno indagati della sua attività, quella di appassionato lettore che giunse ad avere quasi duecento volumi nella sua biblioteca, un numero straordinario per l’epoca.

L’arte contemporanea protagonista a Firenze nell’autunno 2019

Firenze è il Rinascimento, Firenze è l’arte antica e moderna, Firenze è Leonardo ma non mancano le occasioni per essere aggiornati sulle più recenti tendenze dell’arte. “Tony Cragg a Boboli“, aperta fino al 13 ottobre, prosegue il fil rouge di mostre dedicate alla scultura contemporanea con una retrospettiva del lavoro degli ultimi 20 anni di Tony Cragg, uno dei massimi nomi in campo internazionale.

L’altra riguarda uno street artist contemporaneo diventato celeberrimo proprio in questi anni: “OBEY. Make art not war” a Palazzo Medici Ricciardi, mette in mostra fino al 20 ottobre grandi opere e piccole serigrafie di OBEY, nome d’arte di Shepard Fairey, lo street artist americano diventato noto al grande pubblico per il ritratto di Barack Obama che il futuro presidente USA assunse come icona ufficiale della campagna che lo portò alla Casa Bianca.