Gennaio è quasi alle spalle, e ancora non sei partito per la settimana bianca che sognavi da tempo. Niente paura, febbraio è un mese eccezionale per gli amanti dello sci, con ottime condizioni delle piste anche a bassa quota e giornate più lunghe. Ecco cinque mete stupende dove sciare a febbraio risparmiando un po’. 

Sestriere

Sestriere si trova a cavallo tra Val Chisone e la Val di Susa, in provincia di Torino. Insieme a Salice d’Ulzio, Sansicario, Cesana, Claviere e Montgenèvre, fa parte del comprensorio sciistico Vialattea, con oltre 70 impianti e 249 km di piste. 

Grazie al suo impianto di innevamento programmato, Sestriere è la meta ideale per sciare durante tutto l’inverno. Negli scorsi giorni il comprensorio ha ospitato numerose gare di Coppa del Mondo, un appuntamento imperdibile per gli appassionati di sci. Particolarità della pista olimpica di Sestriere è la possibilità di sciare in notturno, un’esperienza davvero suggestiva. 

Il costo di uno skipass giornaliero è di 38 euro, una vera occasione se rapportato all’ampiezza dell’offerta. 

Pontedilegno – Tonale

Per gli sciatori principianti, una destinazione ideale è il comprensorio di Pontedilegno – Tonale in Lombardia. Grazie alla presenza del Ghiacciaio Presena, qui si scia senza interruzioni dall’autunno alla primavera. In inverno le 4 skiarea, Ponte di Legno, Passo Tonale, Ghiacciaio Presena e Temù, offrono agli appassionati di sport sulla neve 41 piste e 28 impianti di risalita. 

Pontedilegno-Tonale, anche conosciuto come Adamello Ski, è diventato nel corso degli anni una delle località più attrezzate dagli sciatori tra Trentino e Lombardia.

A febbraio lo skipass giornaliero costa 45 euro, ma si può arrivare a spenderne solo 34 acquistandolo con una settimana di anticipo. 

Claviere

Questo piccolo centro al confine tra Italia e Francia offre scenari incantevoli e piste immerse nei boschi. Situato ai piedi del monte Chaberton, che domina la vallata con i suoi 3131 m d’altezza, anche Claviere fa parte del comprensorio sciistico Vialattea. 

Con i suoi paesaggi suggestivi, è la meta ideale non solo per gli appassionati di sport, ma anche per chi è in cerca relax nel rigenerante abbraccio della natura. Forest bathing, sci di fondo e ciaspolate sono l’ideale per lasciarsi lo stress della settimana lavorativa alle spalle. 

Bardonecchia

A Bardonecchia, vicino Torino, ti aspettano 4 comprensori meravigliosi con impianti di risalita e 39 piste da consumare con sci e snowboard. Non solo sport, Bardonecchia è la meta meta per gli amanti della natura, del buon cibo e del divertimento notturno: insomma, a ciascuno la sua montagna. 

Qui lo skipass giornaliero costa 38 euro, con tariffe agevolate per studenti e altre offerte. 

Madonna di Campiglio

Sciare a Madonna di Campiglio è certamente meno economico (in alta stagione lo skipass giornaliero costa 53 euro), ma la Skiarea Campiglio è una delle più rinomate di tutto l’arco alpino. Parliamo della più grande area sciabile del Trentino, con 150 km di piste e 60 impianti di risalita collegati da un unico skipass. 

Non solo sci: un evento imperdibile è il Carnevale Asburgico (dal 23 al 28 febbraio), rievocazione storica della visita a Madonna di Campiglio della principessa Sissi e della corte asburgica alla fine dell’Ottocento. 

Sapevi che puoi raggiungere Madonna di Campiglio anche in autobus? Dal 20 al 23 febbraio sono attive le corse speciali di Autostradale, da prenotare al volo!