Il forest bathing, ovvero “bagno nella foresta”, è una tendenza che arriva dal Giappone, dove nasce negli anni ‘80 con il nome di Shinrin-Yoku. Sempre più viaggiatori oggi scelgono di immergersi nell’atmosfera incontaminata di boschi e oasi naturali, per rigenerarsi a contatto con alberi, fiori e animali selvatici e vivere un’esperienza di digital detox. 

Studi dimostrano che il forest bathing può avere anche effetti terapeutici e benefici sull’organismo, in particolare sulla regolazione del battito cardiaco e sulla pressione sanguigna. Se questa pratica ti affascina, scopri con noi quali sono le migliori destinazioni per fare forest bathing in Italia

Forest bathing all’Oasi Zegna, Biella

L’Oasi Zegna è un’area montana protetta in Piemonte, nelle Alpi Biellesi, tra Trivero e la Valle Cervo. Le origini del progetto risalgono agli anni ‘30, ma per la sua realizzazione bisogna attendere il 1993. 

Oggi l’Oasi si estende per circa 100 km quadrati e si sviluppa in tre aree distinte intorno alla strada Panoramica Zegna:

  • la Via dei Rododendri, un’esplosione di colore sulle pendici della montagna;
  • la selvaggia Via delle Bocchette;
  • la Via della Sienite, con interessanti formazioni geologiche e borghi. 

L’Oasi Zegna è il luogo ideale dove praticare escursionismo, trekking d’altura, mountain bike, equitazione, palestra di roccia, tree climbing, aquilonismo e sport invernali, sempre immersi nel pieno rigoglio della natura. 

Forest bathing alle Foreste Casentinesi, Arezzo

Lasciati alle spalle la confusione e il frastuono della città per smarrirti nell’abbraccio di alberi altissimi. Nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi si respirano la magia e l’energia vitale della natura incontaminata. 

Oltre a lunghe passeggiate sui suoi sentieri, nel parco è possibile praticare diverse attività divertenti e istruttive, come la raccolta funghi o il wolf howling notturno, ovvero l’ascolto guidato degli ululati dei lupi. 

Tra i luoghi da non perdere all’interno del parco segnaliamo il Lago di Ponte, la Cascata dell’Acquaponte, il suggestivo Eremo di Camaldoli e il Sacro Monte della Verna, dove secondo la tradizione San Francesco ricevette le Stimmate. 

Forest Bathing in Trentino Alto Adige

Tra boschi immensi e cime vertiginose, il Trentino-Alto Adige è la regione ideale dove fare forest bathing. Uno dei luoghi più indicati è la Valle Aurina, in provincia di Bolzano, circondata da oltre ottanta montagne che superano i 3000 metri. 

All’interno del Parco Naturale delle Vedette di Ries-Aurina l’acqua scorre impetuosa: ruscelli, laghi di montagna e cascate sono gli scenari che accompagnano trekking, tour in alta quota e mountain bike. 

Altra meta perfetta per il forest bathing è il Parco del Respiro a Fai della Paganella. Qui, oltre a immergersi in uno splendido faggeto, potrai farti coccolare dalle proposte di uno dei wellness hotel locali. Passeggiando per qualche giorno nei boschi, respirerai l’aria arricchita di sostanze terapeutiche emesse dagli alberi. 

Anche la movimentata Madonna di Campiglio si presta al forest bathing con la sua Vallesinella, dove ammirare scenografiche cascate tra boschi di faggi. Per raggiungere Madonna di Campiglio ti consigliamo il comodo ed economico collegamento in autobus da Milano.


Quale che sia la tua meta, il forest bathing sarà un balsamo per il corpo e per lo spirito, sollevandoti dallo stress del tran tran quotidiano. Sei pronto per lasciarti andare all’abbraccio degli alberi?